• Lingua:

  • Lingua:

  • Articles

    Categories

  • LaNuovaRiforma

    Benvenuti nel nostro sito web. la pace e la grazia di nostro Signore Gesù Cristo sia la vostra abbondanza e che Dio vi benedica grandemente. vogliamo introdurre .

    Per saperne di più
  • La caduta nel peccato lo stato corrotto dell’uomo

    smallimg3

    This triggers the tooltipLa seduzione e l’inganno della tentazione di Satana hanno condotto alla ribellione Adamo ed Eva, nostri progenitori universali GENESI 3:1. Essi disubbidirono il diretto comandamento di Dio di non mangiare il frutto della conoscenza del bene e del male GENESI 2:16-17. Dio però in accordo con il saggio e santo consiglio della Sua volontà permise loro, senza approvare la loro ribellione, di liberamente disubbidirlo. Questo fu permesso anche perché Dio decise di usare questo episodio per la Sua gloria. Dio ha provveduto di tramutare il male in bene, mettendo in evidenza sia la Sua giustizia e santità che la Sua grazia e misericordia.

    Crediamo che per la ribellione di Adamo ed Eva loro stessi caddero dalla loro stessa natura santa e giusta, e furono separati dalla comunione con Dio e divennero spiritualmente morti e completamente corrotti nella loro natura fisica e spirituale ROMANI 1:18-32: ROMANI 3:10-19; ROMANI 5:12-15; EFESINI 2:1-3COLOSSESI 2:13

    Crediamo che essi, essendo la radice della razza umana, hanno trasmesso la loro colpevolezza e imputata a tutte le generazioni successive cioè la corruzione totale della natura umana, il peccato e la morte. Da questa corruzione originale e totale l’uomo è reso completamente inabile di fare del bene secondo il carattere e la legge di Dio che è ciò che Dio esige. L’uomo è opposto al bene e completamente propenso a compiere il male GENESI 6:5; GEREMIA 17:9-10. Nel suo carattere, alla conversazione e al suo comportamento, l’uomo ha tendenze completamente malvagie e corrotte. Per questo l’uomo nella sua natura corrotta non ha, ne il desiderio, la volontà, la forza, il potere, l’abilità ne alcuna condizione spirituale con le quali possa cercare, trovare ed accettare Dio e la Sua salvezza, ne abbia in se alcuna cosa che Dio ritiene meritevole di redenzione o per la quale Dio trovi alcun merito per giustificare ROMANI 3:10-20.

    Crediamo che questa natura corrotta e malvagia rimane presente nella carne anche dopo la rigenerazione di una persona se pur fatta nuova, nuovo cuore, nuova mente, perdonata, giustificata, ma la natura carnale rimane viva e residente nel corpo naturale della persona ROMANI 7:1. Così che l’uomo interiore o spirituale è rinnovato mentre l’uomo vecchio e carnale continua a degenerare e a morire per via del peccato 2 CORINZI 4:16. Per questo ancora è necessaria la grazia e il perdono e la santificazione di Dio nella vita del credente GIOVANNI 13:10; ROMANI 8:31-34; 1 Giovanni 1:9; 1 GIOVANNI 2:1-2; . La natura carnale è quella che guerreggia continuamente contro la natura spirituale del credente GALATI 5:17.

    Crediamo che ogni peccato, sia quello originale sia quello commesso da ogni uomo siano trasgressioni e ribellione alla santa e giusta legge di Dio e contrari ad essa ROMANI 6:23; 1 GIOVANNI 3:4; 1 GIOVANNI 5:17; GIACOMO 2:10. I tali peccati nella propria natura causano l’aumento della colpevolezza nel peccatore, il quale è comunque per natura figlio dell’ira di Dio EFESINI 2:1-2, la quale ira, si manifesta giustamente sopra ogni empietà e ingiustizia dell’uomo che sopprime la verità con l’ingiustizia ROMANI 1:18-32.

    Crediamo che pur essendoci peccati che Dio ritiene più o meno gravi e severi, addirittura alcuni che sono un abominio a Dio DEUTERONOMIO 18:10-12; LEVITICO 18:22PROVERBI 6:16-19 , tutti i peccati comunque, sono trasgressioni e ribellione alla legge santa di Dio e al Suo santo e giusto carattere, è per questo che il salario del peccato è la morte ROMANI 6:23 e che tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio ROMANI 3:23.