• Lingua:

  • Lingua:

  • Articles

    Categories

  • LaNuovaRiforma

    Benvenuti nel nostro sito web. la pace e la grazia di nostro Signore Gesù Cristo sia la vostra abbondanza e che Dio vi benedica grandemente. vogliamo introdurre .

    Per saperne di più
  • Falsi Apostoli e Profeti Ed Altre Erronee Dottrine Pentecostali Introduzione

    Introduzione

    Il soggetto di falsi falsi apostoli e profeti. Perché parlare di questo soggetto?

    Perché era una piaga nella chiesa primitiva, era un problema grandissimo ai tempi di Paolo e della fondazione della chiesa, quanto lo è una piaga e un problema nella chiesa di oggi.

    Infatti è sempre stato un grave problema sin dai tempi dell’ Antico Testamento. Ci sono sempre stati coloro che hanno desiderato usurpare l’ufficio di portavoce di Dio. Queste persone però Dio non le ha mai scelte per portare la Sua parola e portavano invece sempre un messaggio che Dio non aveva comunicato.

    Vorrei precisare che non ho assolutamente niente di personale contro i miei fratelli e sorelle Pentecostali, anzi gli voglio bene. In parte sto scrivendo questo trattato per poter comunicare a voi la verità di ciò che la parola di Dio veramente insegna in riguardo a ciò che viene erroneamente insegnato tramite dottrine Pentecostali. Spero di fare tutto ciò con l’amore di Dio, perché Dio vuole che siamo tutti liberati da errori e riportati alla libertà che la Sua verità ci vuole donare, perché gli errori ci causano di farci del male e fare male ad altri.

    Magari, molti che mi conoscono sanno già che divergo in molti punti della dottrina Pentecostale, forse altri no. Perché ho scelto di rimanere e servire in una comunità Pentecostale visto che non credo a molte delle loro dottrine?

    Ho scelto questo perché si parla sempre di divisione nel corpo di Cristo e che credenti di diverse credenze dottrinali non possono operare e vivere insieme senza attrito o eventualmente senza separarsi. Io voglio dimostrare che l’amore di Dio in me e in loro, se regna, può unirci anziché dividerci anche se abbiamo differenze dottrinali. Ovviamente, non posso fare questo percorso da solo, anche loro voler farlo insieme a me.

    Comunque, non solo ho il diritto ma ho il dovere per mia coscienza e verso Dio e la Sua parola di dire ciò di cui sono convinto in riguardo a ciò che la Scrittura realmente insegna. La retta interpretazione della Scrittura prova che molte dottrine Pentecostali sono erronee.

    L’amore è il compimento della legge, ma la verità in amore va sempre detta. Molti dicono che la dottrina divide e non è importante, solo l’amore è. Molti di questi che dicono così, lo dicono solo finché tu non tocchi la loro dottrina, quella in cui credono loro. Appena tu lo fai, la dottrina conta eccome, l’amore sparisce e la divisione arriva, addirittura molti ti “scomunicano” dalle loro chiese e dalla loro fratellanza.

    Ma loro insistono a dire che solo l’amore è importante. Mah. Io invece, non sono completamente d’accordo, la sana dottrina divide, ma divide la verità dalla menzogna, non le persone che vogliono veramente umilmente imparare e conoscere la parola di Dio, ed infatti, l’amore biblico gioisce nella verità 1 CORINZI 13:6, la verità va sempre detta, in amore ma va insegnata,EFESINI 4:14-15. Non sarebbe amore continuare a permettere che fratelli e sorelle camminino nell’errore.

    Prego e spero che tutti i miei fratelli e sorelle Pentecostali non traggano offesa da questo trattato, ma invece possano con umiltà mettere da parte i loro pregiudizi, preconcetti e qualsiasi cosa che possa voler far loro non ascoltare un punto di vista dottrinale diverso dal loro e che invece seguano attentamente quello che sarà delineato in questo studio.

    Del resto, fratelli e sorelle, se io riesco a condividere me stesso in servizio e fratellanza e a rispettare manifestazioni e insegnamenti dottrinali con i quali non sono d’accordo, penso che anche voi possiate per lo meno con umiltà leggere e cercare di comprendere le mie convinzioni dottrinali anche se divergenti dalle vostre; sono convinto tra l’altro che non sono solo miei commenti, ma ciò che la Bibbia chiaramente insegna.

    Del resto penso che tutti siamo d’accordo che Gesù è l’unico Signore e salvatore e che bisogna essere nati di nuovo dallo Spirito di Dio, che siamo giustificati per fede soltanto e che la Bibbia è la parola di Dio. Queste sono alcune delle cose fondamentali che condividiamo e sulle quali possiamo costruire un dialogo e un rapporto che può oltrepassare altre differenze dottrinali, forse.

    Io per grazia ed amore di Dio per ora lo sto facendo, non è facile a volte ma… adesso vediamo quanti di voi riescono a rispettare ed accettare ed almeno ascoltare e rivedere le differenze che ci dividono.

    Prima che venga accusato di non credere nella potenza di Dio, vi voglio dire subito che credo fermamente che Dio è Onnipotente e che ancora oggi guarisce intervenendo in modo sopranaturale. Dio onnipotente può fare tutto ciò che vuole, quando vuole, niente è impossibile per Lui. Dio è sovrano ed è Lui che decide secondo la Sua perfetta volontà cosa fare e quando, secondo la Sua perfetta saggezza e conoscenza. Egli non è obbligato a guarire quando vogliamo noi, ne è obbligato a fare quello che gli chiediamo se non la ritiene la cosa migliore da fare in quella circostanza.

    Dio risponde alla fede di ogni credente in special modo di chi ha il dono della fede 1 CORINZI 12:9 e può accedere ancor più efficacemente, mediante lo Spirito, alla conoscenza della Sua volontà e Dio provvederà ovviamente ad onorare tale preghiera.

    Credo quindi nel dono della fede che alcune persone hanno (non tutti, e non si sta parlando del dono della misura di fede con la quale si crede) nel quale Dio opera per esaudire le preghiere. Dio esaudisce le preghiere del giusto e di chi vive in umiltà e che non è in ribellione alla Sua parola.

    Sappiate che una volta ero anche io di credenza semi-pentecostale, ma dopo aver studiato la parola di Dio per anni ed avendo imparato a interpretarla meglio (per grazia di Dio) sono giunto a capire che la Bibbia arriva a conclusioni diverse da quelle Pentecostali, per le quali spesso io e tutti quelli che credono come me sono etichettati eretici e accusati di divisione in certi circoli e da certe persone iper-pentecostali.

    Questo trattato fu da scritto inizialmente per portare alla luce della parola di Dio il problema di falsi apostoli e profeti, con i quali ho avuto recentemente delle esperienze molto brutte e negative.

    Ho poi dovuto espandere questo trattato, perché mi sono reso conto che connesso a questo soggetto vi sono insegnamenti di altre dottrine Pentecostali/Carismatiche che vanno confrontate perché sono purtroppo connesse alle erronee e false dottrine dei falsi apostoli e profeti.

    Riconosco anche che, in molte denominazioni carismatiche, anzi quasi tutte se non tutte, credono appunto che la posizione e uffici degli apostoli e profeti siano ancora attivi come lo erano ai tempi dell’era apostolica. Questo trattato è anche disegnato per poter dileguare i fraintesi Biblici che portano all’errata conclusione che questi uffici e posizioni possano esistere oggi.

    Inoltre è importante che si capisca anche, che questo trattato non è contro le persone, che purtroppo sono state educate e ammaestrate in un certo modo, coloro che credono tra le diverse erronee dottrine, che l’apostolo e il profeta oggi abbiano la stessa autorità e la stessa missione come quelli che hanno fondato la chiesa o che credono alle altre dottrine le quali questo trattato confuterà.

    Credo fermamente che la Bibbia conferma che l’ufficio dell’Apostolo di Cristo come descritto nella Bibbia non è operativo oggi, ed anche l’ufficio del profeta non è operativo come ministero in modo identico a come lo era durante il periodo degli Atti degli Apostoli e dell’AT.

    La parola di Dio ci comanda di sforzarci, per presentarci approvati davanti a Dio, come operai che non si debbono vergognare e che tagliano o dividono rettamente la parola di Dio. Questo comando di Paolo a Timoteo anche io lo prendo seriamente a cuore. Riconosco che, per fare questo appunto bisogna sforzarsi ed essere operai, il che vuole dire impegnarsi allo sforzo di voler studiare per capire, quello che veramente insegna l’intero consiglio di Dio. Sapete che un operaio lavora sodo e si sforza per fare il suo lavoro. Così dobbiamo fare anche noi se vogliamo imparare a tagliare o dividere rettamente la parola della verità, così che gli errori e le menzogne possano essere eliminati e la purezza della parola possa ancora una volta fare onore e portare gloria a Dio e farci crescere nella conoscenza e la grazia di Cristo.

    Non possiamo prendere per scontato che tutto ciò che ci viene insegnato della parola di Dio sia veramente ciò che la parola di Dio ci insegna e ci spiega. Dobbiamo avere uno spirito nobile come la Bibbia ci dice che avevano gli uomini di Berea, non essendo soddisfatti solo della parola di Paolo, andarono a ricercare le Scritture per vedere se ciò che gli veniva detto era vero

    Atti 17:11-12 11 Or questi erano di sentimenti più nobili di quelli di Tessalonica, perché ricevettero la Parola con ogni premura, esaminando ogni giorno le Scritture per vedere se le cose stavano così. 12 Molti di loro, dunque, credettero, e così pure un gran numero di nobildonne greche e di uomini.

    Quindi se, e dico se, avete un nobile spirito, vi incoraggio di leggere umilmente con un cuore aperto e di ricercare la Scrittura, esaminate se ciò che c’è scritto qui dentro passa l’esame e lo scrutinio della parola di Dio, Vi garantisco che passerà, ed inoltre ricordatevi

    2 Timoteo 2:15 Sfòrzati di presentare te stesso davanti a Dio come un uomo approvato, un operaio che non abbia di che vergognarsi, che tagli rettamente la parola della verità.