• Lingua:

  • Lingua:

  • Articles

    Categories

  • LaNuovaRiforma

    Benvenuti nel nostro sito web. la pace e la grazia di nostro Signore Gesù Cristo sia la vostra abbondanza e che Dio vi benedica grandemente. vogliamo introdurre .

    Per saperne di più
  • Conclusioni Personali

    Ripeto a nausea se necessario NON CI SONO PIU’ DIRETTE RIVELAZIONI DA DIO.

    Ancora una volta ripetiamo, così entra bene nella testa e nel cuore, se rivelazioni e profezie fossero ancora ispirate da Dio come le Scritture, si dovrebbero considerare parola di Dio e quindi con la stessa autorità e infallibilità della Scrittura e quindi il canone di Scrittura non sarebbe completo e la Bibbia dovrebbe essere continuata ad essere scritta.

    I falsi apostoli e profeti dunque son quelli che erroneamente e orgogliosamente si ritengono tali. Molti si auto appuntano, credendo che abbiano sentito in qualche rivelazione o visione o sogno il Signore dare loro l’autorità spirituale per questo ufficio. Questo non è possibile perché abbiamo stabilito quali erano i requisiti per essere chiamati da Gesù all’apostolato.

    Altri sono appuntati in chiese che credono e insegnano dottrine erronee e quindi anche se con motivazioni nobili, anche apparentemente spirituali e Bibliche, sono sempre dottrine erronee. Questo purtroppo genera molte persone ad avere posizioni di responsabilità ed autorità che non esistono più e che portano molti individui e chiese intere a fare decisioni che non sono affatto la volontà di Dio, ma solo qualche cosa fabbricato nella mente o nei desideri delle persone stesse, persone che credono invece di aver ricevuto l’ispirazione delle loro rivelazioni dallo Spirito Santo. Non che una persona non possa avere una idea spirituale e Biblica, ma ce ne corre tra una idea biblica o spirituale e la parola ispirata di Dio.

    A me sembrano tutti giochetti umani e politici per manipolare persone e situazioni. Il Signore ha veramente dato quella profezia? Insomma, vi è sempre tale caos in queste situazioni, caos che confonde la gente e disonora Dio, poiché fa avere l’impressione che Dio possa dire cose diverse, cambiare idea ecc. Quando Dio ha decretato una determinata cosa l’ha sempre compiuta e confusione non vi è mai stata. Insomma, smettiamo di fare giochetti nel nome di Dio, se dei determinati doni o ministeri sono riconosciuti in una persona non andiamo in giro a dire che il Signore dice, ecc. ecc., diciamo pure che certi doni e ministeri sono riconosciuti e che a questa persona sarà affidata un mansione coerente con i doni e ministeri che Dio gli ha affidato, non c’è bisogno di fare passare queste cose come rivelazione profetica proveniente direttamente da Dio.

    Quando i ministeri ed i doni son riconosciuti dalla chiesa il Signore ha già parlato, queste cose sono la conferma che Dio ha scelto quell’individuo per quell’opera in quella comunità locale. Queste false chiamate profetiche spesso mettono persone senza qualifiche e con i requisisti sbagliati in determinate posizioni e magari altri che hanno le vere qualifiche e requisiti invece non possono avere perché l’uomo decide di parlare per Dio scegliendo le persone sbagliate. Questo è fatto solo per risposta dei propri desideri carnali e i propri pensieri come descritto in Ezechiele 13 che abbiamo già esaminato prima.

    Anche nella mia vita sono state profetizzate delle cose da così detti profeti, che è ormai evidente che non erano vere, non si sono avverate e ormai si sarebbero dovute avverare. No, cari fratelli e sorelle queste cose non sono più per oggi. Queste cose fanno solo del male alla gente, ingannandole nel credere di fare la volontà di Dio mentre è la volontà dell’uomo. Ricordiamoci anche che a volte alcune cose si avverano come del resto i falsi segni e miracoli che non provengono da Dio. Se dopo tutto quello che avete letto avete ancora le stesse convinzioni che avevate prima, io non vi condanno come fanno gli altri nel campo opposto al nostro.

    Comunque, io credo fermamente che state andando dietro a dottrine erronee e state seguendo falsi apostoli e profeti, state ricercando segni, miracoli e guarigioni che non riceverete mai come erano operanti nell’era Apostolica.

    Credo ancora che i profeti di oggi Dio li usa per dare alla chiesa edificazione, consolazione e esortazione mediante la parola scritta.

    Dio non è obbligato dalla erronea dottrina carismatica a fare le cose che può fare. Dio è smosso semmai dal dono della fede e la fede del credente, dalla dottrina della guarigione esposta nel libro di Giacomo capitolo 5 solo secondo la Sua sovrana volontà.

    Credo che la Scrittura nella sua completezza dimostri questi fatti come del resto anche la storia della chiesa post-apostolica. L’ultimo libro del canone della Scrittura Apocalisse fu scritto nell’anno 96 dopo Cristo mentre l’ultimo miracolo, segno e prodigio dell’era apostolica riportato nella Scrittura fu fatto approssimativamente nell’anno 58 DC. Credo che il canone di Scrittura accettato e sigillato dalla chiesa sia la completa rivelazione di Dio e che qualsiasi rivelazione o profezia dopo l’anno 96 DC non può essere considerata direttamente ispirata da Dio poiché significherebbe che la Scrittura non è completa, ma invece lo è. I doni carismatici tra l’altro sono solo menzionati nell’epistola di 1 Corinzi che è una delle prime lettere di Paolo se non la prima e quindi scritta molto presto. Nei libri come Efesini e Romani, ma anche gli altri non si menzionano mai queste cose. Vi siete mai chiesti il perché?

    Potete scegliere a che cosa volete credere, se alle vostre dottrine che avete accettato per tradizione o denominazione, perché vi sentite obbligati di non cambiare idea perché magari avete ricevuto il Signore mediante un fratello una sorella Pentecostale e non volete tradire le loro dottrine perché cambiando opinione dottrinale sarebbe come tradire loro.

    Magari siete ostinati e volete avere ragione per forza, forse avete paura di offendere Dio, credendo che se credete altrimenti non avete fede che Lui può fare miracoli, guarire, parlare. Ma io credo che Dio è onnipotente e che Dio guarisce secondo la preghiera pregata con fede, fa miracoli, e parla alla Sua chiesa tramite gli interpreti e i maestri e i pastori e ad ogni credente che veramente con cuore aperto legge e studia la Sua parola e che ascolta con orecchi spirituali ciò che è predicato, insegnato e condiviso dai veri profeti tramite la parola scritta.

    Forse non sapreste dove andare se cambiaste modo di credere, certamente gli altri non vi capirebbero e vi etichetterebbero come se foste caduti in dottrine erronee voi stessi. Se cercaste di spiegare il vostro cambiamento o di condividere con altri le vostre nuove convinzioni vi accuserebbero di eresia, di voler causare divisioni nella chiesa e quindi vi rassegnereste a stare lì e rimanere con la bocca chiusa e continuare contro coscienza e la Bibbia a credere in ciò che veramente non credete più.

    Forse dovreste scegliere di andarvene e di trovare una chiesa che condivide le vostre nuove convinzioni e ricominciare tutto da capo e tutto questo non vi attira, perdere amici e fratelli e sorelle che avete fatto negli anni vi impedisce di fare alcun cambiamento. Vi catalogherebbero allora assieme a noi come eretici e promotori delle dottrine di Satana, come spesso siamo accusati di fare.

    Tutto questo non è facile da vincere, so che perdere amici, vedere fratelli e sorelle che si rivoltano contro di voi spesso senza nemmeno provare a capire che il vostro cambiamento è basato sulla verità della parola di Dio e della sua retta interpretazione di essa, e una cosa dolorosa.

    Forse perché in Italia non è che di comunità Evangeliche ve ne siano tante, magari scarseggiano nella vostra zona e dovete frequentare la comunità che vi è più vicina e disponibile. Molte sono le ragioni e le scuse per rimanere nelle dottrine erranti. Per me non ostante tutte le difficoltà che trovo alle mani degli orgogliosi, invece vale la pena affrontare le difficoltà, gli insulti, le diffamazioni, l’essere lasciati in disparte per camminare nella verità.

    La poca popolarità che le mie convinzioni possano causarmi valgono la pena. Non avrò il favore degli uomini e le loro lodi ma questo non mi interessa, a me interessa avere il favore di Dio, conoscere la verità e camminare in essa. A me interessa il “ Ben fatto del Signore”. Bisogna contendere per la nostra fede e perseverare nella sana dottrina dei veri Apostoli e profeti e del Signore Gesù Cristo.

    Dio vi benedica e vi guidi nella verità della Sua parola, ricordatevi cosa ci ha insegnato il Signore stesso “ Sta scritto”