• Lingua:

  • Lingua:

  • Articles

    Categories

  • LaNuovaRiforma

    Benvenuti nel nostro sito web. la pace e la grazia di nostro Signore Gesù Cristo sia la vostra abbondanza e che Dio vi benedica grandemente. vogliamo introdurre .

    Per saperne di più
  • Le Differenze Tra Veri e Falsi Profeti

    In connessione con i veri ed i falsi apostoli dobbiamo anche spiegare la differenza tra l’ufficio del profeta dell’AT e quello del NT, come la differenza tra veri profeti e falsi profeti, questo tenteremo di fare.

    Le loro funzioni seppur simili, erano ben diverse e servivano diversi propositi. I profeti dell’AT furono usati da Dio per portare diretta rivelazione da Dio al popolo di Dio a quel tempo, cioè la nazione di Israele e di Giuda. I profeti di Dio, cioè coloro che predicavano direttamente ciò che avevano ricevuto da Dio per condannare l’idolatria e i peccati della nazione e per riportare la nazione a Dio. Inoltre le loro profezie rendevano testimonianza di Cristo, cioè hanno profetizzato sia il primo che il secondo avvento di Gesù CristoLUCA 24:27 eLUCA 24:44;ATTI 10:43;ATTI 26:22;ATTI 28:23;ROMANI 1:2;ROMANI 3:21;1 PIETRO 1:10;2 PIETRO 3:2; Tutto il libro di Apocalisse è profezia

    Apocalisse 1:1-3 Rivelazione di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra breve, e che egli ha fatto conoscere mandando il suo angelo al suo servo Giovanni. 2 Egli ha attestato come parola di Dio e testimonianza di Gesù Cristo tutto ciò che ha visto. 3 Beato chi legge e beati quelli che ascoltano le parole di questa profezia e fanno tesoro delle cose che vi sono scritte, perché il tempo è vicino!

    Apocalisse il libro stesso testimonia della natura profetica del libro stesso in diversi versetti Apocalisse 1:3; 10:7; 22:6-10; 22 :18-19.

    I veri profeti nel NT furono dotati da Dio di un ufficio simile a quello del profeta del AT ma non identico. I profeti dell’AT anche se spesso hanno anche profetizzato alle nazioni Gentili erano predominantemente mandati al popolo di Dio sia di Israele che di Giuda. Se siete lettori della Bibbia, spero, forse saprete che dopo il regno di Salomone 1 Re 11-12 Israele si divise in due regni uno chiamato regno del nord e l’altro regno del sud. Il regno del nord Israele era formato da dieci delle tribù di Israele, mentre il regno del sud rimase comprensivo di sole due tribù, Giuda e Beniamino. Il regno del nord, Israele si mischiò con i Gentili e visse in idolatria e apostasia, divennero così i Samaritani, gente che i Giudei odiavano. Giuda e Beniamino per un tempo rimasero più o meno fedeli a Dio ma nel passare del tempo divennero tanto idolatri ed apostati quanto Israele.

    Dunque i profeti di Dio furono mandati rispettivamente chi a Israele e chi a Giuda, qualche volta ad entrambi e qualche volta anche a nazioni Gentili. Vedi in special modo Giona che fu mandato a profetizzare anche agli Assiri. Ma anche altri profeti profetizzarono a nazioni Gentili Isaia; Daniele; Gioele; Amos ; Abadia; Naum; Sofonia; Zaccaria . Comunque, l’opera dei profeti dell’AT sembrava essere terminata dopo che Malachia profetizzò e per 400 anni Dio non parlò più tramite i profeti. Solo dopo questi 400 anni si sentì la voce di un profeta, l’ultimo vero e proprio profeta dell’AT fu Giovanni Battista. Ora so che alcuni di voi inizieranno a contendere che il Battista non era nel AT ma nel nuovo ed io vi dirò che anche se tecnicamente i Vangeli sono riconosciti parte del NT è per via di diverse cose, ma la maggior ragione è perché Gesù è l’autore del nuovo patto e dunque la Sua opera redentrice è considerata giustamente nuovo patto. Ma dalla nascita di Gesù il suo ministero iniziò all’età di 30 anni, fino almeno all’ultima cena di Pasqua ci sono due transizioni cioè si sta uscendo dall’AT ed entrando nel NT tramite un periodo intermedio che era il Regno Messianico che gli Ebrei rifiutarono, rifiutando Gesù come Messia.

    Questo è stato spiegato in dettaglio precedentemente.

    E’ dunque a questa giuntura che si entra ufficialmente nel NT mediante la morte e resurrezione e ascensione di Gesù Cristo. Infatti Giovanni era l’ultimo profeta dell’AT in quanto non ha come gli apostoli/profeti del NT, dato testimonianza alla morte e resurrezione di Gesù ne è stato partecipe del battesimo dello Spirito Santo a Pentecoste che lui stesso profetizzò, ma è morto prima che il nuovo patto fosse istituito.

    Pentecoste marca l’inizio della nascita della chiesa, cioè la venuta dello Spirito a costituire il corpo di Cristo tramite il Suo battesimo Atti 2;1 CORINZI 12:12-13 ed a dimorare permanentemente nella chiesa per continuare l’opera di Dio sulla terra mediante la chiesa, inoltre come sigillo, caparra della eredità di Dio per ogni credente 2 CORINZI 1:22;EFESINI 1:13-14;EFESINI 4:30.

    Ezechiele 13:1-9 La parola dell’Eterno mi fu rivolta, dicendo: 2 «Figlio d’uomo, profetizza contro i profeti d’Israele che profetizzano e di’ a quelli che profetizzano secondo il loro cuore: Ascoltate la parola dell’Eterno. 3 Così dice il Signore, l’Eterno: Guai ai profeti stolti che seguono il loro spirito senza aver visto nulla. 4 O Israele, i tuoi profeti sono stati come volpi nei deserti. 5 Voi non siete saliti sulle brecce né avete costruito alcun muro intorno alla casa d’Israele, per resistere nella battaglia nel giorno dell’Eterno. 6 Hanno avuto visioni false e divinazioni bugiarde e dicono: “L’Eterno ha detto”, mentre l’Eterno non li ha mandati. Tuttavia essi sperano che la loro parola si adempi. 7 Non avete forse avuto visioni false e non avete proferito divinazioni bugiarde? Voi dite: “L’Eterno ha detto”, ma io non ho parlato». 8 Perciò così dice il Signore, l’Eterno: «Poiché avete proferito falsità e avete avuto visioni bugiarde, eccomi contro di voi», dice il Signore, l’Eterno. 9 «La mia mano sarà contro i profeti che hanno visioni false e proferiscono divinazioni bugiarde. Essi non faranno più parte al consiglio del mio popolo, non saranno più scritti nel registro della casa d’Israele e non entreranno nel paese d’Israele; allora riconoscerete che io sono il Signore, l’Eterno.

    Questa è la natura e il comportamento dei falsi profeti, anche quelli di oggi. E queste sono le accuse di Dio contro di loro. Forti parole, da averne timore per ogni persona che dice “ Così dice l’Eterno” quando il Signore non ha veramente detto ne rivelato loro niente e le rivelazioni e visioni che loro hanno sono soltanto cose secondo il loro cuore e seguono il loro spirito. Si, il Signore stesso dice che sia possibile credere che Dio parli mentre il falso profeta invece segue il proprio cuore e il proprio spirito.

    Notate le parole del passo il Signore dichiara che non è Lui che li ha mandati, hanno visto visioni false e hanno avuto divinazioni bugiarde, e tuttavia sperano che quello che hanno profetizzato si adempia.

    Ma non è il Signore che ha parlato, infatti il Signore è contro di loro e la Sua mano sarà contro quelli che proferiscono divinazioni bugiarde. Infatti la parola divinazione intende proprio che le rivelazioni da loro ricevute siano di natura demonica o almeno carnale, come le divinazioni dei veggenti e indovini che esistono oggi nel mondo.

    La parola usata per divinazione è la parola ebraica qoceem, quecem usata per descrivere in altri passi stregoneria o magia DEUTERONOMIO 18:10; 1 SAMUELE 15:23;2 RE 9:22;2 Re17:17;2 RE 21:6;2 CRONACHE 33:6 .

    C’è da dire che ci sono molti oggi che si dilettano nel dire “ Così dice l’Eterno” dichiarando che il loro messaggio viene direttamente per rivelazione, visione o sogno da Dio. Oppure parlano nella prima persona come se fosse direttamente Dio a parlare.

    A questi è stato dato uno spirito di menzogna , che Dio stesso ha permesso loro di avere per provare se il popolo di Dio o nel nostro caso i figli e le figlie di Dio veramente sanno discernere il vero dal falso e se amano Dio abbastanza dal voler credere la verità della Sua parola scritta oppure la menzogna dei veggenti.

    1 Re 22:22-23 L’Eterno gli disse: “In che modo?”. Egli rispose: “Uscirò e sarò spirito di menzogna in bocca a tutti i suoi profeti”. L’Eterno gli disse: “Riuscirai certamente a sedurlo; esci e fa’ così”. 23 Perciò ecco, l’Eterno ha posto uno spirito di menzogna in bocca a tutti questi tuoi profeti; ma l’Eterno pronuncia sciagura contro di te». I falsi profeti non si lasciano però giudicare o provare da nessuno come invece ci di ce la parola di Dio di fare, sia nell’ AT che nel NT. Ma l’Eterno non ha mai parlato tramite loro, sono come i profeti dei quali abbiamo appena letto, falsi. Questo soggetto lo approfondiremo tra un po’.

    C’era comunque un esame nell’AT per provare se un profeta era vero o falso.

    Deuteronomio 13:1-5 «Se sorge in mezzo a te un profeta o un sognatore di sogni che ti proponga un segno o un prodigio, 2 e il segno o il prodigio di cui ti ha parlato si avvera e dice: “Seguiamo altri dèi che tu non hai mai conosciuto e serviamoli“, 3 tu non darai ascolto alle parole di quel profeta o di quel sognatore di sogni, perché l’Eterno, il vostro DIO, vi mette alla prova per sapere se amate l’Eterno, il vostro DIO, con tutto il vostro cuore e con tutta la vostra anima. 4 Seguirete l’Eterno, il vostro DIO, lui temerete, osserverete i suoi comandamenti, ubbidirete alla sua voce, lo servirete e rimarrete stretti a lui. 5 Ma quel profeta o quel sognatore di sogni sarà messo a morte, perché ha parlato in modo da farvi allontanare dall’Eterno, il vostro DIO, che vi ha fatto uscire dal paese d’Egitto e vi ha redenti dalla casa di schiavitù, per trascinarti fuori dalla via nella quale l’Eterno, il tuo DIO, ti ha ordinato di camminare. In questo modo estirperai il male in mezzo a te.


    Nota tra l’altro che il profeta sarebbe sorto in mezzo a loro, il che vuol dire da loro, facente parte dell’assemblea, non da fuori,ma dall’interno della comunità. Allora, una ragione in più per stare molto attenti direi.

    In Deuteronomio 13:1-5, inoltre a giudicare la profezia per compimento ed esattezza era di vedere se avessero usato segni e prodigi per ingannare la gente e sviarla per attirarli ad altri dei o false rappresentazioni di Dio stesso, il che è idolatria. Inoltre quando una persona è un falso profeta e parla nel nome di Dio quando in realtà Dio non ha parlato, usando il nome di Dio lo usa invano e rende falsa testimonianza facendo sembrare Dio menzognero. Ma vediamo addirittura che in questo passo il segno e prodigio si è avverato. Appare veramente che venga da Dio, sembra genuino, ma non lo è.

    Ancora una volta, ecco perché il Signore vuole che noi camminiamo per i comandamenti della Sua parola e non seguire segni e prodigi.

    Geremia 23:5-32 «Ho udito ciò che dicono i profeti che profetizzano menzogne nel mio nome, dicendo: “Ho avuto un sogno, ho avuto un sogno!”. 26 Fino a quando durerà questo nel cuore di questi profeti che profetizzano menzogne e profetizzano l’inganno del loro cuore? 27 Essi pensano di far dimenticare il mio nome al mio popolo con i loro sogni che si raccontano l’un l’altro, come i loro padri dimenticarono il mio nome per Baal. 28 Il profeta che ha avuto un sogno racconti il sogno, ma chi ha la mia parola riferisca la mia parola fedelmente. Che ha da fare la paglia col frumento?», dice l’Eterno. 29 «La mia parola non è come il fuoco?», dice l’Eterno, «e come un martello che spezza il sasso? 30 Perciò ecco», dice l’Eterno, «io sono contro i profeti che rubano gli uni agli altri le mie parole. 31 Ecco», dice l’Eterno, «io sono contro i profeti che usano la loro lingua e dicono: “Egli dice”. 32 Ecco, io sono contro quelli che profetizzano sogni falsi», dice l’Eterno, «e li raccontano e traviano il mio popolo con le loro menzogne e con le loro millanterie, benché io non li abbia mandati né abbia dato loro alcun ordine; perciò non saranno di alcuna utilità a questo popolo», dice l’Eterno.In entrambe i passi di Deuteronomio 13:1-5 e Geremia 23:25-32 i falsi profeti sono chiamati sognatori di sogni. E’ molto interessante notare che non predicano la parola scritta e non la insgnano come rivelazione di Dio, invece usano i loro sogni e le loro visioni, traggono la rivelazione da questi anziché la parola di Dio, C’è anche a notare che questo termine o titolo sognatore è dato nel NT ad una categoria di persone ben precisa.

    Gli apostati, falsi maestri, eretici, coloro che sono disertori dalla fede e che cercano di fare apostatizzare anche altri, troviamo questo in

    Giuda 8 allo stesso modo questi sognatori contaminano anch’essi la carne, respingono l’autorità e parlano male delle dignità.

    Oggi siamo circondati da centinaia di migliaia di persone nelle chiese che continuamente asseriscono di aver ricevuto rivelazioni da Dio tramite visioni e sogni e con esse pretendono di parlare per Dio, non sono altro che apostati, defettori dalla fede, falsi profeti che cercano di ingannare deboli ed ingenui credenti a “Seguire altri dèi che tu non hanno mai conosciuto e servirli

    Altri dèi, gli dèi dei loro sogni e non il Dio vivente della Scrittura, e quindi sono invitati ad ubbidire, ascoltare e praticare quello che questi sognatori dicono di fare nel nome di Dio, ma in realtà stanno seguendo altri dèi che non conoscono. Dio e la Sua volontà sono rivelati a noi e possiamo conoscerli solo tramite la rivelazione della santa parola di Dio e non tramite sogni, visioni e rivelazioni di questi sognatori di sogni e falsi profeti.

    E’ dunque molto pericoloso dire di parlare per Dio quando Dio non ha parlato. Infatti come vedremo tra un po’ oggi tutti coloro che dicono di avere l’ufficio di profeta e di parlare per Dio in realtà si ingannano e sono falsi profeti che sono in grave pericolo e in serio peccato, peccato così serio che nell’AT era comandato da Dio di mettere a morte chi era confermato essere un falso profeta.

    Nel passo di Deuteronomio 13 il Signore usa i sognatori, falsi profeti per vedere se il Suo popolo amavano solo Lui e ubbidivano la parola scritta. Questa è probabilmente la Scrittura più trascurata per quanto riguarda l’esame e la conferma delle profezie di chi dichiara di essere profeta e di avere doni miracolosi da parte diDio. Perché? Perché se contraddicevano le dottrine e rivelazioni precedentemente rivelate che provvedevano la conoscenza dell’unico vero Dio erano dunque falsi.

    Dunque se chi dichiara di essere profeta ha sbagliato anche una sola volta o ciò che dice non si avverasono falsi profeti che Dio non tollera e nell’AT sarebbero stati esaminati e provati falsi e sarebbero stati lapidati.

    Per misericordia di Dio non c’è questa pratica oggi nella chiesa, altrimenti coloro che dichiarano di essere profeti non sarebbero in giro per tanto tempo,dopo essere stati trovati erranti la prima volta. Il loro ministero finirebbe alla svelta. Il ministero profetico finirebbe alla svelta ve lo garantisco. Le scuole per i profeti sarebbero pressoché vuote e la maggior parte di coloro che si dichiarano arrogantemente direi, profeti oggi starebbero molto zitti.

    Purtroppo per via del buonismo che esiste nella chiesa, molte persone volendo essere più buoni di Dio dicono che bisogna tollerare ed accettare se una persona che si dichiara profeta sbaglia perché forse ha sbagliato questa volta, era nella carne e non nello Spirito, che bisogna dargli una seconda possibilità di redimersi. Una seconda possibilità? Ma stiamo scherzando?

    Questi rileggano i passi fin ora menzionati e che abbiamo letto prima e rendetevi conto che per Dio questa cosa è estremamente seria, così seria i falsi profeti dovevano essere lapidati a morte.